Contattaci ora Call Us Free
348 7539266
via Boccaccio 80 - Padova

Taoismo e Wing Tiun: energia e forza.

In molte fonti possiamo leggere che il Wing Tiun è uno stile “interno”. Gli stili del kung fu possono essere suddivisi in due grandi gruppi, quelli chiamati “interni” e quelli chiamati “esterni”. Storicamente, la distinzione tra stili interni e stili esterni aveva un significato molto diverso da quello odierno, infatti gli stili esterni erano quelli che venivano dall’estero, da terre lontane.

Ma col tempo si è capito che quegli stili che venivano chiamati ‘interni’ erano più focalizzati sulla manipolazione del Qi, l’energia interiore, ed erano più propensi a parlare di princìpi che di tecniche, mentre gli stili ‘esterni’ erano più focalizzati sull’apprendimento e l’esecuzione di tecniche di combattimento con lo scopo di migliorare la forza muscolare. In pratica, mentre i primi erano più concentrati sul benessere della mente, i secondi cercavano il benessere del corpo. Questa distinzione però col tempo si è offuscata e oggigiorno la maggior parte degli stili di origine cinese cercano di seguire contemporaneamente entrambe le strade. In pieno accordo con la filosofia taoista, peraltro. Perché seguire una strada senza seguire l’altra creerebbe un evidente scompenso, o asimmetria.
Un detto cinese che riguarda l’apprendimento delle arti marziali recita, più o meno: “Allena sia l’interno che l’esterno. L’esterno comprende le mani, gli occhi, il corpo e le forme. L’interno comprende il cuore, lo spirito, la mente e la forza.”